Alla scoperta di Bruxelles

Buon pomeriggio amici e amiche.

Oggi vi propongo di andare a fare un giro insieme a Vicky per scoprire la magia di Bruxelles. Tuffatevi nei vicoli, lasciatevi rapire dalla bellezza della Grand Place, osservate i grandi palazzi di vetro dove si respira aria d’Europa, ma soprattutto, godetevi i simboli per eccellenza di questa meravigliosa città: birra, cioccolato e patatine!

1158641347_3d4467ae38_z

gaufre

1854625464_1eb3c2a52d_z

commissione europea

2289377358_ddd270409a_z

parlamento europeo

moules-frites

moules-frites

8063017221_ed81572468_z

Grand Place

8462667666_1fe4507684_z

Palais Royal

11121234634_3e8db1236e_z

Atomium

3596244926_1d78351a59_z 4352759634_b8ea790a26_z 5325396728_bc6b7f21a9_z 5606606522_f2b12f52bf_z 6120623307_b4f9eeeb36_z 14763912301_191b263c0b_z 15149954015_ce52d3bc18_z 15642812910_b9c79c2941_z beer-594459_1280 brussels-262972_1280 brussels-519965_1280 Bruxelles - Maison Antoine3

NOI NOVELLE CENERENTOLE DALLE CINQUANTA SFUMATURE

Qualche sera fa mi è capitato di andare al cinema con due mie amiche. Siamo entrate senza sapere cosa guardare e alla fine abbiamo optato per un grande classico: Cenerentola.

Entrando nella sala pensavo di trovare una marea di bambine, magari accompagnate dalle rispettive madri, e invece, con mia grande sorpresa, l’età media era piuttosto insolita… c’erano moltissime romantiche bambine alquanto cresciute. Più o meno le stesse bambine che, circa un mese fa, stavano guardando affascinate Cinquanta Sfumature di Grigio. Così mi sono chiesta: cosa può spingere tante ragazze, alla soglia dei trent’anni, a guardare un film così romantico, banale, irreale e “infantile”?

Siamo tanto sognatrici e illuse da pensare di poter essere delle Cenerentole del XXI secolo? Stiamo davvero cercando ancora il nostro principe azzurro? Abbiamo capito, a nostre spese, che i grandi amori esistono solo nei film e che non verrà nessun principe/benefattore a salvarci dalla misera situazione di sguattere per far venir fuori la principessa che è nascosta dentro di noi. Sappiamo bene che è difficile, se non impossibile, cambiare lo stato delle cose, eppure ancora ci crediamo. Ma cos’è che ci affascina sul serio? Immaginare un principe gentile in calzamaglia che cavalca un bel cavallo bianco è piuttosto ridicolo e noi, in fondo, siamo tutte abbastanza realiste (al limite del cinico) da capire che è meglio l’uomo rude in canottiera che guida un grosso camion, oppure un triste impiegato di banca che va a lavoro con la sua utilitaria. Almeno loro esistono davvero! Quando vogliamo sognare però andiamo al cinema e sbaviamo di fronte alla galanteria del principe o del Mister Grey della situazione, sperando che un giorno anche noi arriveremo ad avere il nostro riscatto. Beh principesse, basta con i sogni. Guardiamoci dentro: cosa vogliamo veramente? Cosa desideriamo nel profondo del nostro cuore? Non è l’amore, né il romanticismo e neanche la promessa di un amore impossibile che finalmente si realizza. La cosa che conta è una sola: il POTERE. Questi principi/Mr Grey non ci piacciono per la loro bellezza (o almeno non solo per quella), ma li adoriamo perché sono potenti. Hanno i mezzi per fare ciò che vogliono e soprattutto hanno la possibilità di renderci felici, possono esaudire ogni nostro desiderio.

Che triste realtà… siamo condannate a confondere il potere con quel nobile sentimento tanto millantato quale è l’amore e ci ritroviamo a sognare ad occhi aperti di fronte a film che dovrebbero essere romantici, ma che romantici non sono affatto. Perciò ragazze, la prossima volta, niente cinema, niente sogni… risparmiate questi soldi, sposate un bravo impiegatuccio e compratevi un bel paio di scarpe, c’è più soddisfazione e almeno queste sono reali!