NOI NOVELLE CENERENTOLE DALLE CINQUANTA SFUMATURE

Qualche sera fa mi è capitato di andare al cinema con due mie amiche. Siamo entrate senza sapere cosa guardare e alla fine abbiamo optato per un grande classico: Cenerentola.

Entrando nella sala pensavo di trovare una marea di bambine, magari accompagnate dalle rispettive madri, e invece, con mia grande sorpresa, l’età media era piuttosto insolita… c’erano moltissime romantiche bambine alquanto cresciute. Più o meno le stesse bambine che, circa un mese fa, stavano guardando affascinate Cinquanta Sfumature di Grigio. Così mi sono chiesta: cosa può spingere tante ragazze, alla soglia dei trent’anni, a guardare un film così romantico, banale, irreale e “infantile”?

Siamo tanto sognatrici e illuse da pensare di poter essere delle Cenerentole del XXI secolo? Stiamo davvero cercando ancora il nostro principe azzurro? Abbiamo capito, a nostre spese, che i grandi amori esistono solo nei film e che non verrà nessun principe/benefattore a salvarci dalla misera situazione di sguattere per far venir fuori la principessa che è nascosta dentro di noi. Sappiamo bene che è difficile, se non impossibile, cambiare lo stato delle cose, eppure ancora ci crediamo. Ma cos’è che ci affascina sul serio? Immaginare un principe gentile in calzamaglia che cavalca un bel cavallo bianco è piuttosto ridicolo e noi, in fondo, siamo tutte abbastanza realiste (al limite del cinico) da capire che è meglio l’uomo rude in canottiera che guida un grosso camion, oppure un triste impiegato di banca che va a lavoro con la sua utilitaria. Almeno loro esistono davvero! Quando vogliamo sognare però andiamo al cinema e sbaviamo di fronte alla galanteria del principe o del Mister Grey della situazione, sperando che un giorno anche noi arriveremo ad avere il nostro riscatto. Beh principesse, basta con i sogni. Guardiamoci dentro: cosa vogliamo veramente? Cosa desideriamo nel profondo del nostro cuore? Non è l’amore, né il romanticismo e neanche la promessa di un amore impossibile che finalmente si realizza. La cosa che conta è una sola: il POTERE. Questi principi/Mr Grey non ci piacciono per la loro bellezza (o almeno non solo per quella), ma li adoriamo perché sono potenti. Hanno i mezzi per fare ciò che vogliono e soprattutto hanno la possibilità di renderci felici, possono esaudire ogni nostro desiderio.

Che triste realtà… siamo condannate a confondere il potere con quel nobile sentimento tanto millantato quale è l’amore e ci ritroviamo a sognare ad occhi aperti di fronte a film che dovrebbero essere romantici, ma che romantici non sono affatto. Perciò ragazze, la prossima volta, niente cinema, niente sogni… risparmiate questi soldi, sposate un bravo impiegatuccio e compratevi un bel paio di scarpe, c’è più soddisfazione e almeno queste sono reali!

Annunci

2 pensieri su “NOI NOVELLE CENERENTOLE DALLE CINQUANTA SFUMATURE

  1. Trovo normale che le stesse “bambine” che hanno visto le 50 sfumature siano poi andate a vedere cenerentola….. Se analizzi bene le due storie, sono identiche, cambiano i tempi stringi stringi…sono uguali 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...